venerdì 17 aprile 2009

piccole casalinghe crescono


Ce ne ho messo di tempo, ma finalmente sono in grado di dispensare preziosissimi consigli sul vivere da soli. O meglio: come scoprirsi "desperate housewife" in sei mesi di convivenza con se stessi.


Non credevo di essere così ossessionata dalla polvere, ma le balle di laniccia stile farwest non mi vanno proprio giù...Dopo aver comprato scopa e raccoglitore al mercato sotto casa per risparmiare qualche euro ho scoperto che si smontano letteralmente. Il raccoglitore non raccoglie e la scopa è stressata e perde le setole a ciuffi manco avesse l' alopecia. Vogliamo parlare del mocio? Il secchio è esploso mentre cercavo di strizzarlo e la testina (nel senso milanese del termine) lascia ciuffi di pelo, tanto perchè la ragazza che me l'ha venduto ha detto: "prendilo di cotone, è ottimo!" Morale della favola: mamma mi ha regalato la scopa tonkita e papà il mocio vileda. In questo caso le marche fanno la differenza.

Ma passiamo alla domanda clou: chi scrive le indicazioni sui detersivi?
Prendiamo quello che più mi inquieta: il prodotto per pulire il forno. Intanto perchè le istruzioni sono scritte in italiano e cirillico, occupando il poco spazio che c’è sulla confezione?Vada l'inglese, toh...il francese, ma il cirillico?!
Non lo posso usare su: alluminio, superfici verniciate, linoleum, forni autopulenti (se sono autopulenti che ce lo passo a fa?) o a microonde. Questo presuppone che io sappia di cosa sia fatto il mio forno. Primo errore.
Secondo: Dopo le solite raccomandazioni idiote tipo non ingerire, non spararlo negli occhi nè usarlo a mo’ di deodorante, dice di spruzzarlo ad una distanza di 25 cm, non 24, non 26. Però non ti dice la cosa fondamentale: dopo che l’ho spruzzato, che devo fare? Risciacquo? Lo spalmo? Lo asciugo? Se accendo il fornello, salto in aria?
Veniamo al prodotto per pulire il bagno. Recita l’etichetta: “per tutti i tipi di sporco”.
Non lo posso usare su: marmo, pietra naturale, vasche smaltate o verniciate, box doccia in vetro. Praticamente su nessuna delle superfici che ho in bagno.
E poi la mia frase preferita: “ideale per superfici verticali”…faccio mente locale ma le uniche superfici verticali che mi vengono in mente sono piastrelle, che non ho, muro, pensili su cui non lo posso usare ed io che sto li a pulire. Visto che mi vietano di ingerirlo e inalarlo, ci innaffio le piante? Le istruzioni non lo vietano, ma così a naso direi che bene non gli farebbe.
Fortunatamente il mondo dello stiro non mi appartiene, ho deciso di non comprare nè ferro nè tavola e di affidarmi all’arte dello stendere bene. Direi che è una scelta vincente, risparmi tempo e fatica e soprattutto con l’acqua demineralizzata ci rimpingui la batteria del motorino.
Ma veniamo alle scoperte scientifiche: erano giorni che mi ripromettevo di pulire il fondo del wc, diventato ormai di un colore indecifrabile. La candeggina sarebbe stata l’ideale, peccato mi dimenticassi di comprarla. Poi una sera faccio i carciofi fritti (mmm…) faccio raffreddare l’olio e lo butto nella tazza. La mattina dopo il wc era di un bianco splendente! Son soddisfazioni…

2 commenti:

Anonimo ha detto...

olio nel water!!!???
Ma siamo pazze....
Comunque se è venuto pulito , per stavolta passi.......

Elly ha detto...

ahahhaa mi hai fatto morire da ridere!! era tanto che non passavo :D